Il cordoglio della Chiesa novarese per la morte di mons. Grab

Facebooktwittermail

Il vescovo di Novara con tutta la diocesi si unisce al cordoglio e alla preghiera della Chiesa svizzera per la morte dell’amato vescovo 
mons. Amedeo Grab.

Mons. Grab era molto conosciuto e apprezzato anche nella nostra diocesi, sia per i suoi numerosi servizi pastorali, soprattutto nella zona del Verbano e dell’Ossola, quando era docente al Collegio Papio di Ascona, sia per la sua presenza ormai familiare al Santuario della Madonna del Sangue di Re, soprattutto dopo aver lasciato la guida della diocesi di Coira.

Lo ricordiamo spesso partecipe agli avvenimenti diocesani, in particolare alle giornate di fraternità sacerdotale, e per le celebrazioni delle Cresime o in altre occasioni festive in diverse parrocchie. Lo affidiamo nella preghiera di suffragio a Cristo Buon Pastore perché gli doni la ricompensa riservata ai “fedeli operai della sua vigna”.

«Mons. Amédée -si legge in una nota della diocesi di Coira – è venuto a mancare inaspettatamente ieri pomeriggio, 19 maggio 2019, a Roveredo/GR.  I funerali, , avranno luogo lunedì 27 maggio 2019, alle ore 14 nella Cattedrale di Coira».

Riportiamo di seguito una breve nota biografica, ripresa dalla stampa elvetica.

Mons. Grab, risiedeva in questo periodo a Roveredo Grigioni. Il vescovo emerito di Coira che fu anche vescovo di Losanna, Ginevra e Friborgo era una figura molto amata nella Svizzera italiana, non solo perché abitava da alcuni anni in Mesolcina, ma soprattutto per il periodo in cui fu, dal 1958 al 1978, rettore del Collegio Papio di Ascona.

Antoine Marie Grab era nato a Svitto il 3 febbraio 1930, ma aveva trascorso la sua infanzia con la famiglia a Ginevra. Nel 1947 ha lasciato la sua famiglia ed è entrato nell’abbazia di Einsiedeln per proseguire gli studi liceali. L’8 settembre 1950 Grab è entrato nella Congregazione Svizzera dell’Ordine di San Benedetto e ha preso il nome di Amédée. Dopo aver studiato teologia e filosofia, il 12 giugno 1954 è stato ordinato presbitero. In seguito è stato docente nel collegio dell’abbazia e poi rettore del Collegio Papio di Ascona. Fino al 1983 ha insegnato presso il nuovo collegio dell’abbazia di Einsiedeln. Dal 1983 al 1987 è stato segretario generale della Conferenza dei vescovi svizzeri e risiedeva a Friburgo. A servizio della Chiesa, Grab divenne dapprima segretario della Conferenza dei vescovi svizzeri, poi vescovo di Losanna Ginevra e Friborgo ed infine vescovo di Coira. Nel 2001 fu eletto Presidente del Consiglio delle Conferenze dei vescovi d’Europa.

Il vescovo Amedeo è ricordato dai ticinesi anche per aver guidato i pellegrini della Svizzera italiana a Lourdes e per aver partecipato con i giovani della Svizzera italiana alla Giornata mondiale della Gioventù di Toronto nel 2002. Una magnifica figura di benedettino al servizio della Chiesa. Evidentemente vivissimo il suo ricordo nel Grigioni italiano, nelle vallate che lo ebbero come vescovo e poi in Mesolcina dove scelse di trascorrere il tempo ultimo della sua vita, sempre disponibile nei servizi pastorali che gli venivano richiesti.

Mons. Grab con mons. Brambilla, al termine della celebrazione della Messa per il miracolo del Sangue di Re, alla festa del Santuario dello scorso anno.