Vicario episcopale per l’Amministrazione

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Don Renzo Cozzi

Contatti:
Curia diocesana
Via Puccini, 11
28100 Novara
telefono 0321.661634
e-mail economo@diocesinovara.it

 

 

Profilo biografico
Il vicario episcopale per l’Amministrazione è don Renzo Cozzi.
E’ nato a Legnano, diocesi di Milano, il 13 gennaio 1955 e ordinato sacerdote dal vescovo mons. Aldo Del Monte nella Cattedrale di Novara il 21 giugno 1980. Ha assunto l’incarico dal 1° ottobre 2012 data nella quale il Vescovo gli ha conferito anche l’incarico di Economo diocesano. E’ anche incaricato diocesano per il Servizio per la promozione del sostentamento della Chiesa Cattolica (Sovvenire).

Al vicario episcopale per l’Amministrazione fanno riferimento:

Ruolo e compiti del Vicario episcopale per l’Amministrazione
Il vicario episcopale per l’amministrazione ha il compito di seguire le gestione amministrative delle parrocchie e degli enti religiosi diocesani e valutare le richieste per gli atti di straordinaria amministrazione. Ha inoltre il compito di promuovere percorsi di formazione dei collaboratori parrocchiali nel settore amministrativo.Mons. Franco Giulio Brambilla, con decreto del 1° ottobre 2012, ha disposto, inoltre, per lui i compiti di vigilare con cura sull’amministrazione di tutti i beni appartenenti alle persone giuridiche pubbliche soggette all’Ordinario diocesano; di provvedere alla idonea amministrazione dei beni di una persona giuridica pubblica che dal diritto, o dalle tavole di fondazione, o dai suoi statuti non abbia amministratori propri; di curare attentamente il rapporto con il Consiglio per gli Affari Economici Diocesano e, come mandatario di mandato speciale o generale, di provvedere a nome e per conto del Vescovo, a compiere tutti gli atti di relativa competenza nell’amministrazione dei beni ecclesiastici della diocesi e delle persone giuridiche direttamente amministrate dal Vescovo.

Ruolo e compito dell’Economo diocesano
Secondo il Codice di Diritto Canonico (CJC), 492-494, il Vescovo nomina un economo, che sia veramente esperto in economia e particolarmente distinto per onestà. Il mandato ha durata di un quinquennio, che può essere ripetuto. Mentre è in carica, non può essere rimosso se non per grave causa da valutarsi dal Vescovo, dopo aver sentito il collegio dei consultori e il consiglio per gli affari economici. È compito dell’economo, secondo le modalità definite dal consiglio per gli affari economici, amministrare i beni della diocesi sotto l’autorità del Vescovo. Nel corso dell’anno l’economo deve presentare al consiglio per gli affari economici il bilancio delle entrate e delle uscite.