Consiglio per gli affari economici della Diocesi, Caed

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Il vescovo, in data 8 novembre 2016, ha nominato i nuovi componenti del Consiglio per gli affari economici della diocesi di Novara. Il consiglio resterà in carica per il nuovo quinquennio.

Presidente:
Sua Ecc.za Mons. Franco Giulio Brambilla

Componenti del Caed:
Marco Barattini, Franco Gagliardi, Davide Maggi, Paolo Micotti, Antonello Monti, Federico Diotti.

 

Ruolo e compiti del Caed

Il ruolo ed i compiti del Caed vengono normati nel codice di diritto danonico, nei canoni  492 e 493.

«In ogni diocesi venga costituito il consiglio per gli affari economici, presieduto dallo stesso Vescovo diocesano o da un suo delegato; esso è composto da almeno tre fedeli, veramente esperti in economia e nel diritto civile ed eminenti per integrità, nominati dal Vescovo.

I membri del consiglio per gli affari economici siano nominati per un quinquennio, però, terminato tale periodo, possono essere assunti ancora per altri quinquenni. Sono esclusi dal consiglio per gli affari economici i congiunti del Vescovo fino al quarto grado di consanguineità o di affinità.

Oltre ai compiti ad esso affidati nel Libro V, I beni temporali della Chiesa, spetta al consiglio per gli affari economici predisporre ogni anno, secondo le indicazioni del Vescovo diocesano, il bilancio dei proventi e delle spese che si prevedono per l’anno seguente in riferimento alla gestione generale della diocesi e inoltre approvare, alla fine dell’anno, il bilancio delle entrate e delle uscite».