Gli auguri del vescovo alla Curia diocesana per il Natale 2021

Facebooktwittermail

«Dobbiamo prepararci a vivere questo tempo, come un tempo di resilienza». Di fronte alla ripresa della virulenza della pandemia, è soprattutto sulla qualità delle relazioni e sull’attenzione a chi è più esposto alle fatiche e ai rischi non solo sanitari ma anche sociali, che il vescovo Franco Giulio ha richiamato l’attenzione nel suo tradizionale incontro per lo scambio di auguri con i direttori e i collaboratori degli uffici della curia diocesana, che si è tenuto nella mattinata di oggi 23 dicembre.

«Penso anzitutto ai giovani e ai ragazzi che hanno pagato il pegno del distanziamento sociale e della scuola senza lezioni in presenza», ha detto il vescovo ribadendo una preoccupazione che ormai da mesi sottopone proprio a chi ha responsabilità nell’ambito scolastico e dell’accompagnamento delle nuove generazioni nei percorsi di fede. «Penso poi alle famiglie. Se la narrazione nei primi mesi raccontava anche degli aspetti positivi di una vita domestica più ricca e delle nuove possibilità di tornare ad incontrarsi, abbiamo vito anche gli elementi più negativi e le tante difficoltà che questa situazione getta sulle spalle dei nuclei familiari».

L’incontro con laici e sacerdoti che hanno responsabilità diocesane, come ogni anno, è stata anche l’occasione, per il vicario generale don Fausto Cossalter, per tracciare un bilancio dell’ultimo anno.

«Mi piace – ha detto il vicario dopo aver ricordato i lutti e i nuovi nati che hanno segnato la vita della “famiglia” della curia – ricordare l’impegno degli uffici a lavorare più decisamente insieme, sperimentando quella pastorale integrata auspicata anche dal nostro XXI Sinodo diocesano, quando dice: “Ogni ufficio diocesano, commissione o consulta dovrà coordinare con gli altri il proprio lavoro” (n. 44). Sia i contenuti, sia il metodo di lavoro del sussidio pastorale per il tempo di Avvento “Un germoglio spunterà…”, e quello per il mese vocazionale: “Tempo di semina”, hanno seguito queste indicazioni e sono stati l’inizio di uno stile da perseguire con il coinvolgimento non solo dei direttori, ma di tutto il personale degli uffici per offrire un sostegno concreto alla pastorale delle comunità».

Don Cossalter ha poi ricordato un importante anniversario che sarà celebrato tra un mese esatto: «Celebreremo dieci anni di presenza del Vescovo in diocesi. Era il 23 gennaio 2012 quando don Franco ha preso ufficialmente possesso della diocesi davanti ai sacerdoti riuniti in San Gaudenzio. Avremo modo di ricordarlo, ma mi piace che siamo noi i primi a sottolineare questa ricorrenza e a presentarle gli auguri, perché, anche se come dice spesso, vede il traguardo, il cammino non è ancora finito, abbiamo un ultimo tratto di strada da percorrere insieme…».