Il 16 ottobre ricorre la memoria del beato Contardo Ferrini

Facebooktwittermail

Sabato 16 ottobre è la memoria facoltativa del beato Contardo Ferrini.


SCARICA LA LITURGIA DELLE ORE


Nacque a Milano il 4 aprile 1859 da famiglia di origine svizzera la quale passava le sue vacanze a Suna (Lago Maggiore), che Contardo considerò sempre come suo domicilio preferito. La prima Comunione, fatta a 12 anni, fu l’inizio della sua santità, incentrata nel mistero eucaristico. A 17 anni si iscrisse all’università di Pavia e vi conseguì la laurea in giurisprudenza; poi, per due anni, presso l’università di Berlino, si perfezionò nel diritto, distinguendosi anche per la coerenza nella vita cristiana.

Tornato in Italia attese all’insegnamento presso le università di Pavia, Messina, Modena e da ultimo ancora a Pavia, riconosciuto da tutti come il più grande esperto di Diritto Romano dell’Italia del tempo. Entusiasta alpinista amò le montagne insieme con l’ascesi spirituale, sempre intento com’era ad impregnare di infinito le cose più semplici della vita ordinaria e anche le vicende del Consiglio municipale di Milano. Morì a soli 43 anni il 17 ottobre 1902 nella sua casa di Suna. Pio XI lo proclamò venerabile e Pio XII beato il 13 aprile 1947. La sua salma riposa nella cripta dell’Università Cattolica del S. Cuore di Milano ed il suo cuore nella chiesa parrocchiale di Suna. È modello del laico, aperto alla cultura e capace di fare sintesi nella sua persona tra i valori della fede e quelli della scienza.