L’addio a don Giovanni Cavagna

Facebooktwittergoogle_plusmail

Nella mattinata di oggi, venerdì 11 maggio, ci ha raggiunti increduli la notizia della morte improvvisa di don Giovanni Cavagna, parroco di Maggiate Inferiore. Aveva compiuto 82 anni lo scorso 5 maggio. E’ stato trovato questa mattina sulla poltrona in casa parrocchiale: in una mano teneva il telefono, nell’altra la corona del rosario. L’ultima telefonata per fissare un impegno a cui non lo hanno visto presentarsi questa mattina.

Don Giovanni Cavagna è nato a Suno il 5 maggio 1936. E’ stato ordinato prete a Novara da Mons. Gilla Vincenzo Gremigni il 23 giugno 1960. Dal 1960 al 1969 è stato vicario parrocchiale a Borgoticino. E’ poi diventato, per rimanerlo fino ad oggi, parroco di Maggiate Inferiore: ben quarantanove anni!

Ricordiamo questo confratello per la sua intensa umanità e cordialità. Il Signore lo ha arricchito di preziosi talenti: la voce e la passione per il canto, la sensibilità artistica, in particolare l’arte di lavorare il legno e di realizzare sculture, alcune delle quali sono pregiate opere in qualche nostra chiesa. Lo ricordiamo pure come organizzatore di recital e insegnante di religione. Tra gli interessi e le passioni di don Giovanni anche quello della pesca, nel più complessivo amore per la natura.

Possiamo definirlo un artista, un poeta, un contemplativo immerso nella realtà e nell’azione. Il tono della sua voce, la risata contagiosa, la capacità di coltivare relazioni e amicizie lo rendevano inconfondibile.

Affidiamo a Cristo risorto questo nostro fedele e generoso confratello, per l’intercessione di Maria che ha invocato fino all’ora della morte La sua passione per il bello ci aiutano a rileggere le parole di san Paolo “Fratelli, tutto quello che è vero, nobile, giusto, amabile, onorato, tutto quello che è virtù e merita lode, tutto questo sia oggetto dei vostri pensieri” (Fil 4, 4-9).

La celebrazione esequiale si svolgerà lunedì 14 maggio alle ore 15.30 nella chiesa parrocchiale di Maggiate Inferiore dove si farà anche la preghiera del rosario: questa sera, domani sera e domenica sera, sempre alle ore 20.30.

Don Gianluigi Cerutti
vicario episcopale per il clero
e la vita consacrata