Parliamo il Signore Gesù. Dieci anni di episcopato novarese del vescovo Franco Giulio

Facebooktwittermail

In occasione dei dieci anni di episcopato novarese di mons. Franco Giulio Brambilla (2012 – 2022), la Diocesi di Novara ha curato la pubblicazione del volume Parliamo il Signore Gesù, che raccoglie i discorsi alla città e alla diocesi del vescovo, con l’aggiunta della sua prima lettera alla diocesi e dell’omelia per la messa di presa di possesso.

Come acquistare l’opera

Il libro è in distribuzione nelle librerie e negli store on-line al prezzo di copertina di 10 euro. Per gruppi parrocchiali, associazioni, Consigli pastorali l’opera è acquistabile a prezzo scontato (8 euro)  contattando la Stampa Diocesana Novarese:

– Con un’e-mail, scrivendo a alberto.fizzotti@agenziavisconti.it

– Via Whatsapp contattando il 338.9485747

– Telefonando al 338.9485747, in orari di ufficio.

La presentazione del volume

«Parliamo il Signore Gesù, e non Parliamo del Signore Gesù. Il Signore Gesù non è l’argomento di una discussione, ma l’interlocutore di un incontro, il compagno del nostro dialogo».  Così il vescovo Franco Giulio Brambilla, nel suo primissimo messaggio alla Chiesa gaudenziana, ha voluto spiegare il suo motto Loquamur dominum Iesum. Ed è proprio in questa passione sconfinata per un racconto che si fa vita, incontro e preghiera il centro del magistero del teologo e del pastore Brambilla.

Nel decennale del suo arrivo a Novara, la raccolta delle sue omelie nella solennità del santo patrono – i Discorsi alla città e alla diocesi – diviene allora un possibile itinerario per rileggere il suo sforzo di fissare lo sguardo sui problemi dell’oggi: dalla crisi economica sino alla pandemia. Dicendo il Vangelo dentro l’alfabeto della vita umana come Parola che trasforma il cuore degli uomini.

Ad aprire questa carrellata, proprio la sua prima lettera alla comunità novarese e l’omelia nel suo ingresso in diocesi, che inquadrano sin da subito la sua premura pastorale per i giovani, la famiglia, gli ultimi.  E per il coinvolgimento, nel segno della corresponsabilità, del laicato.