La santità nella vita consacrata: dono da “praticare”

Facebooktwittergoogle_plusmail

Oggi, sabato 2 febbraio, si è svolta a Novara, in seminario, la Giornata per la vita consacrata. Un centinaio le religiose e i religiosi convenuti dalle varie comunità presenti sul vasto territorio della diocesi. Presente anche una rappresentanza dell’Ordo virginum e degli Istituti secolari.

La mattinata è stata dedicata all’ascolto di suor Amelia Grilli, domenicana di Roma, che ha tenuto la relazione su “La santità nella vita consacrata: un dono da praticare”. Ha così offerto molti e ricchi spunti a partire dall’esortazione apostolica di Papa Francesco sulla chiamata alla santità nel mondo contemporaneo “Gaudete et exultate”. Dopo l’intervento di questa religiosa è seguito un tempo di dialogo e di risonanze in assemblea.

Il consiglio diocesano dell’USMI (Unione Superiore Maggiori d’Italia). La seconda da sinistra, l’ospite della Giornata: suor Amelia Grilli

Nel primo pomeriggio, il Vescovo Franco Giulio ha presieduto la celebrazione eucaristia, concelebrando con il vicario generale, don Fausto Cossalter, il vicario per il clero e la vita consacrata, don Gianluigi Cerutti, il delegato per l’ordo virginum e i monasteri di clausura, don Dino Bottino e alcuni religiosi.

Come sempre, sono stati ricordati i più significativi anniversari di professione religiosa, tra i quali spiccava l’ottantesimo del salesiano don Giovanni Succi.

A questo link il racconto per immagini della giornata della vita consacrata

A questo link, la sintesi e la versione integrale dell’omelia del vescovoper la giornata della vita consacrata