UN CUORE CHE ASCOLTA, UNA VITA BELLA

FacebooktwittermailFacebooktwittermail
Omelia per la professione perpetua solenne di sr. Maria Amabile
29-09-2012
Saluto Lei, cara Madre, e voi, care sorelle. Abbraccio il papà e la mamma, il fratello, i parenti, tutta la comunità di Villastanza e tutti i ‘fans’ del monastero, le persone qui presenti. In questo momento leggo nei vostri occhi una domanda fondamentale di cui vorrei condurvi pian piano a comprendere la sfida. Attenzione! All’inizio la scossa è un po’ forte, perché sono un vescovo che ama le cose forti. Certo, vedo nei vostri volti la gioia, la festa, ma nel vostro cuore leggo un’altra domanda che suona così: «Ne vale veramente la pena?». Non è forse vero che lo pensate? Questa è la domanda scioccante che ci sorge dentro quando vediamo una ragazza di belle speranze che si decide per la vita monastica. Ne ho appena incontrata un’altra fuori, una bella signorina bionda, che mi ha salutato e mi ha detto che farà il suo ingresso tra quindici giorni in monastero. Dobbiamo lasciarci torchiare l’anima da questa domanda. Vorremmo dire tutti a voce alta: «Ma ne sei proprio sicura?». […]